CHI SONO

Ciao, mi chiamo Daniele Indovino, sono nato e cresciuto a Milano, dove anche attualmente vivo ma appena ne ho la possibilità viaggio in giro per il mondo. Nella vita lavoro nell’ambito informatico, precisamente come consulente IT, Analista Programmatore e Team Leader.

Amo profondamente Vivere, fotografare e raccontare, anche attraverso queste pagine digitali, di viaggi, riflessioni, emozioni, cibo, itinerari, tradizioni, consigli e tanto altro ancora da scoprire..

Per esprimere al meglio le mie passioni sono costantemente alla ricerca dell’attimo perfetto che racchiuda un’enorme quantità di sensazioni ed emozioni concentrate in un unico momento che rimanga indelebile nei ricordi per sempre.. 

Mi piace definirmi un ragazzo che da sempre vive di grandi passioni, un sognatore che ama viaggiare e prendere parte agli attimi nati per essere ricordati sempre.. costantemente desideroso di godere del prossimo orizzonte e di tante meravigliose avventure!

Mi permetto di darvi un consiglio, coltivate l’anima viaggiatrice!! è stata senza alcun dubbio la scelta migliore della mia vita..

L’importante non è quello che trovi alla fine di una corsa, l‘importante è quello che provi mentre corri..

Giorgio Faletti [Notte prima degli esami]

Per la community NextHorizon e su questa piattaforma sono blogger, content creator, grafico, fotografo, web writer, social media manager e video maker.


Linea di pensiero

La mia linea di pensiero si basa su alcuni aspetti che ritengo fondamentali:

Trasmettere e far vivere il mondo dei viaggi attraverso l’aggregazione e la condivisione!

Essere un “Viaggiatore X Viaggiatori” cercando di creare una perfetta sinergia tra le mie due grandi passioni, viaggiare e creare.. aprendo alla possibilità di vivere il viaggio sotto un’altra prospettiva con la consapevolezza che per vedere le cose belle nella vita bisogna saper “camminare” e conoscere il grande significato nascosto della parola “Vivere”.

Esaltare l’interazione tra culture differenti senza la paura di sbagliare quando ne si approccia una nuova perché non c’è nulla di nobile nell’essere superiore a qualcun altro, la vera nobiltà consiste nell’essere superiore a come eravamo ieri.